20 settembre 2017
Ultime notizie

“A Sassari serve un piano straordinario per l’emergenza abitativa”

La sezione sassarese del movimento politico CasaPound Italia interviene in merito al gravoso problema dell’emergenza abitativa, a pochi giorni dalla pubblicazione della graduatoria per il contributo per l’affitto, dal quale sono risultate escluse parecchie famiglie che fino ad oggi usufruivano di questo importante servizio.

“La situazione è al collasso, e molte famiglie, ritrovatesi escluse dal contributo, vedono nel loro futuro lo spettro dello sfratto” - afferma Andrea Farris Coordinatore Regionale di CasaPound Italia - . “Le ragioni di questo dramma sono rintracciabili nella miopia di una classe politica incapace, negli ultimi dieci anni, di programmare una seria politica abitativa in città - continua - il tutto mentre la città correva verso un inesorabile declino economico che livellava verso il basso il reddito di buona parte della cittadinanza”.

“Anche i pochi alloggi che la giunta Sanna consegnerà nei prossimi mesi risultano un goccia nel mare se raffrontati all’emergenza in atto - prosegue Farris - mentre non si ha traccia di significativi interventi programmatici per risolvere la situazione”. “Chiediamo che il sindaco Sanna si rechi immediatamente a Cagliari al fine di stabilire con la Regione un piano straordinario per l’emergenza abitativa, che preveda la costruzione a tappe forzate di alloggi popolari per le famiglie più indigenti - conclude - e che preveda per le restanti famiglie la formula del Mutuo Sociale, ossia case a misura d’uomo costruite da un ente regionale su terreni pubblici e cedute alle famiglie con una rata di massimo 1/5 del reddito senza passare attraverso i mutui delle banche, al termine del quale la famiglia diverrebbe proprietaria dell’alloggio”.

Scroll To Top