22 luglio 2017
Ultime notizie

Cagliari: “laboratori per bambini ambigui all’evento gay”, il blitz di CasaPound

Galleria
Cagliari, 26 mar – “I bambini non sono cavie per i vostri esperimenti: ve lo ricordiamo anche quest’anno” recitano i volantini che i militanti di CasaPound hanno distribuito all’ingresso del Lazzaretto al fine di contestare il laboratorio per bambini dai 5 ai 10 anni organizzato nella manifestazione gay “Le lesbiche si raccontano”.

“Dopo il ‘laboratorio di travestimento per bambini’ che proprio l’anno scorso contestammo nella 2° edizione de ‘Le lesbiche si raccontano’, vogliamo assicurarci che l’evento pubblico di oggi non possa in alcun modo attentare alla crescita dei bambini che parteciperanno” – dichiara CPI – “sviluppo che rischia di essere minato dal ‘gioco del rispetto’, famoso per le polemiche suscitate nelle scuole di Trieste che portarono il sindaco ad abolirlo lo scorso luglio”.

“Questo ‘gioco’, infatti, è stato inserito tra le attività che i bambini dovranno svolgere presso il Lazzaretto” – continua la nota – “e se si dà uno sguardo alle ‘linee guida del gioco’(che alleghiamo al comunicato), non si può che rimanere increduli di fronte al capitolo che tratta la ‘trasformazione di genere’ e l’obiettivo dichiarato di ‘problematizzare i ruoli tradizionali nei quali bambini e bambine sono ingabbiati al fine di contrastarne l’adesione’, nonché scorrendo le varie componenti del ‘gioco’ intitolate ‘sarà maschio o sarà femmina?’, ‘osservo e gioco al contrario’, ‘il momento magico: storie per mettere in discussione il genere’, ecc.”.

“Contestiamo, inoltre, il fatto che all’interno dell’evento gay finanziato con fondi pubblici in spazi pubblici si possano svolgere attività per bambini a dir poco ambigue e confusionarie contemporaneamente a laboratori di travestimento come il ‘drag kinging’”– prosegue CasaPound – “come riportato nelle locandine della manifestazione, infatti, i bambini entreranno nello stesso edificio in cui sarà eseguito il laboratorio che ‘mette in discussione il binarismo di genere e sposta i confini dell’identità sessuale’ attraverso il travestimento, quando questo sarà iniziato da appena mezz’ora”.

“Chiediamo al sindaco Zedda, al presidente della Regione Pigliaru ed agli organi dell’Ente Regionale Studenti Universitari di fare chiarezza sul ruolo che Comune e Regione hanno avuto nel concedere locali pubblici e fondi pubblici per la realizzazione di tali attività e se fossero a conoscenza di quelle rivolte ai bambini”.

Download:Linee guida ufficiali – Gioco del Rispetto
Link correlati: Ad Maiora Media , Cagliaripad

1 photo_2017-03-26_11-56-53 (2) gioco-del-rispetto programma 1 linee-guida1 regole1 linee-guida2

Scroll To Top